Elon Musk comunica a Twitter la sua intenzione di rescindere il contratto di acquisto


File
File – Un’immagine mostra l’account Twitter di Elon Musk. – Karl-Josef Hildenbrand/dpa – Archivo

Il fondatore e amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, ha informato questo venerdì Twitter della sua intenzione di rescindere il contratto di acquisto del social network, ritenendo che l’azienda stia «violando in modo sostanziale molteplici disposizioni» dell’accordo firmato da entrambe le parti lo scorso aprile.

In una lettera condivisa dal team legale del magnate, Musk ha informato Twitter della sua intenzione di interrompere l’acquisto del social network dopo aver richiesto formalmente in diverse occasioni informazioni relative al numero di account falsi sulla piattaforma, nonché alle modalità di verifica e sospensione di Twitter.

Musk ha messo pubblicamente in discussione i numeri dei bot di Twitter per settimane, cosa che molti analisti hanno visto come un tentativo di far scendere il prezzo delle azioni del gigante tecnologico. Le azioni di Twitter sono crollate di oltre il 6% nelle contrattazioni successive all’annuncio, come riportato dalla CNN.

A metà maggio, il magnate ha deciso di sospendere temporaneamente l’acquisto di Twitter, concordato a fine aprile per circa 44 miliardi di dollari (42,156 miliardi di euro), in attesa di dettagli che confermino la stima dell’azienda secondo cui gli account fake/spam rappresentano meno del 5% degli utenti.

Successivamente, in una lettera inviata all’inizio di giugno dagli avvocati di Musk alla Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense, il team legale del miliardario ha considerato la posizione di Twitter una «violazione materiale» degli obblighi previsti dall’accordo di fusione, avvertendo che Elon Musk «si riserva tutti i diritti conseguenti, compreso il diritto di non consumare la transazione e il diritto di risolvere l’accordo di fusione».

Da parte sua, Twitter ha annunciato l’intenzione di intraprendere un’azione legale per imporre a Musk il rispetto dell’accordo di acquisto.

«Il consiglio di amministrazione di Twitter è impegnato a chiudere la transazione al prezzo e alle condizioni concordate con Musk e intende intraprendere azioni legali per far rispettare l’accordo di fusione». Siamo fiduciosi di poter prevalere nella Chancery Court del Delaware», ha spiegato il presidente del consiglio di amministrazione di Twitter Bret Taylor sul social network.

Musk e Twitter hanno concordato una penale di 987 milioni di euro (1 miliardo di dollari) che dovrà essere pagata da qualsiasi parte che si ritiri dall’accordo, anche se se Twitter cerca di forzare l’acquisto alle condizioni concordate, le cose potrebbero complicarsi per il magnate sudafricano, secondo il network.


Cookie Consent with Real Cookie Banner