Il Messico annuncia la fine del programma «Quédate en México» per i migranti

Archivio
Archivio – Il soccorso dei migranti negli Stati Uniti – Miguel Juarez Lugo/ZUMA Press Wi / DPA

Martedì il Messico ha annunciato la fine del programma «Stay in Mexico» per i migranti, una politica attuata dall’ex presidente Donald Trump che costringeva migliaia di richiedenti asilo ad aspettare nel Paese fino alla data delle loro udienze negli Stati Uniti.

Biden aveva già indicato in agosto che il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale avrebbe iniziato a eliminare gradualmente il programma dopo che un giudice federale del Texas aveva annullato l’ordine di ripristino della politica, descritta da organizzazioni internazionali come Human Rights Watch (HRW) come una «aberrazione».

Secondo una dichiarazione rilasciata martedì dal Ministero degli Esteri messicano, dal 19 giugno i migranti hanno smesso di essere rimpatriati nell’ambito di questo programma in aree come Tijuana e Baja California a causa della mancanza di spazio nei centri di accoglienza.

In vista della fine di questa disposizione, il Messico ha sottolineato che «continuerà a garantire» la protezione a tutti i migranti nel suo territorio nazionale, compresa l’assistenza umanitaria e la somministrazione dei test COVID-19, nonché l’assistenza per i casi positivi al virus.

Formalmente chiamato «Protocolli di protezione dei migranti» (MPP), il programma, attuato nel 2019 da Trump, ha impedito ai richiedenti asilo provenienti dall’America centrale di entrare negli Stati Uniti mentre i tribunali deliberavano sul loro status.

Biden ha sospeso questa «tabella di marcia» nel suo primo giorno di mandato, lasciandola in attesa di revisione. Tuttavia, il Texas e il Missouri hanno fatto causa all’amministrazione per la sospensione del programma in una battaglia legale in cui sostenevano che l’interruzione del programma costituiva un onere per gli Stati perché gli immigrati utilizzavano i servizi statali per ottenere sia la patente di guida che le cure ospedaliere nel contesto della pandemia.