L’M23 accetta in linea di principio la cessazione delle ostilità nella RDC ma si riserva il diritto di rispondere agli attacchi

Archivio
Archivio – Bambini sfollati a Kishanga, provincia del Nord Kivu, Congo – NRC/TOM PEYRE-COSTA

Il gruppo ribelle congolese Movimento del 23 marzo (M23) ha accettato in linea di principio la cessazione delle ostilità a partire da venerdì nella provincia del Nord Kivu contro le forze dell’esercito keniota e ugandese e della Comunità dell’Africa orientale (EAC), ma ha avvertito che si riserva il diritto di rispondere a qualsiasi attacco.

In occasione di un vertice a Luanda, la capitale angolana, per promuovere la normalizzazione delle relazioni diplomatiche, la RDC e il Ruanda hanno concordato la cessazione delle ostilità a partire da venerdì e il ritiro dell’M23, due giorni dopo, dalle aree recentemente conquistate nella provincia.

L’M23 è accusato dal novembre 2021 di aver compiuto attacchi contro le postazioni dell’esercito della RDC nel Nord Kivu, sette anni dopo che le parti avevano raggiunto una tregua. Gli esperti delle Nazioni Unite hanno accusato l’Uganda e il Ruanda di sostenere i ribelli, anche se entrambi i Paesi hanno negato.

Il conflitto ha portato anche a una crisi diplomatica tra la RDC e il Ruanda, che Kinshasa accusa di sostenere l’M23, sebbene Kigali abbia respinto queste affermazioni e abbia accusato il suo vicino di presunto sostegno al movimento ribelle delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR).

In una dichiarazione rilasciata venerdì, l’M23 ricorda di aver dichiarato un cessate il fuoco unilaterale il 1° aprile di quest’anno, mesi prima della gravissima recrudescenza delle violenze nella provincia del Nord Kivu, e che «tutte le parti coinvolte nel conflitto» hanno firmato un accordo vincolante «che raccomandava un cessate il fuoco che non è mai stato rispettato dalla RDC».

Tuttavia, l’M23, nella sua nota, «accetta nuovamente il cessate il fuoco raccomandato dai capi di Stato», ma chiede al governo della RDC di rispettarlo. In caso contrario, l’M23 si riserva «il pieno diritto di difendersi e di proteggere la popolazione civile da qualsiasi violazione del cessate il fuoco concordato».

L’M23 accusa il governo congolese di aver commesso un «genocidio» nella regione e avverte che «non resterà inerme di fronte al massacro dei cittadini congolesi».

Ancora una volta, l’M23 chiede un incontro con i mediatori e «per discutere di una pace duratura nel Paese» e «ribadisce il suo impegno al dialogo diretto con il governo della RDC come unico modo per risolvere pacificamente il conflitto in corso».

Nel frattempo, il comandante del dispiegamento dell’EAC, il generale Jeff Nyagah, ha avvertito che le sue forze sono pronte a intervenire nel momento in cui percepiscono una rottura del cessate il fuoco. «Questo fine settimana tutte le nostre forze saranno pronte, soprattutto quelle keniote, e il resto dell’apparato logistico e del materiale bellico arriverà», ha dichiarato nelle dichiarazioni riportate dal sito Actualité.

«L’M23 deve cessare le ostilità a partire dal 25 novembre. Lavoreremo con l’esercito congolese e risponderemo a qualsiasi provocazione, ma è importante favorire il dialogo», ha aggiunto il generale, che ha ricordato al gruppo l’obbligo di ritirarsi dalle aree attualmente sotto il suo controllo, compresi i nove dei 14 territori occupati a Rutshuru.