Tredici persone vengono uccise e quasi 5.600 sfollate durante gli scontri con i ribelli nel Darfur, in Sudan.

File
File – Una donna sfollata in un campo vicino a Nyala, nella regione del Darfur meridionale, in Sudan. – GREGG BREKKE / ZUMA PRESS / CONTACTOPHOTO

Almeno tredici persone sono state uccise e quasi 5.600 sfollate a causa dei recenti combattimenti tra due fazioni ribelli nello stato occidentale del Sudan, il Darfur centrale, ha confermato l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA).

L’agenzia ha dichiarato sul suo sito web che i combattimenti tra le fazioni dell’Esercito di Liberazione del Sudan-Abdel Wahid (SLA-AW) sono scoppiati il 19 novembre nella città di Shamal Yamal Marra e si sono estesi alle aree vicine.

Il rapporto rileva che «i leader delle comunità indicano che tredici persone sono state uccise, quattro ferite, dodici sono scomparse e sei sono state rapite», mentre circa 32.000 persone «hanno perso l’accesso alle loro fattorie e ai loro campi a causa dell’insicurezza, mentre alcune fattorie sono state bruciate».

«Circa 5.600 persone sono fuggite dalle loro case e si sono rifugiate nei campi per sfollati di Sabanaga e Toga e nelle città di Tartora, Kumay e Jokosti», ha dichiarato, sottolineando che ci sono anche segnalazioni di persone in fuga verso lo Stato del Darfur meridionale.

L’OCHA ha rilevato che i campi di Sabanga e Toga ospitano già circa 16.000 persone che «ora condividono con i nuovi sfollati cibo, riparo, acqua, materiali igienici e servizi sanitari».

«La situazione rimane tesa e imprevedibile e si dice che entrambe le parti stiano mobilitando le loro forze per un ulteriore conflitto», ha dichiarato, prima di confermare che «le forze di sicurezza sono state dispiegate nelle aree colpite, che ora sono inaccessibili agli operatori umanitari a causa dell’insicurezza».

La regione del Darfur ha visto una recrudescenza delle tensioni intercomunitarie nonostante un importante accordo di pace dell’ottobre 2020 con diversi gruppi di ribelli, che cerca di porre fine ai combattimenti scoppiati nel 2003 e che hanno causato almeno 300.000 morti e più di 2,5 milioni di sfollati.

L’ex presidente Omar Hassan al-Bashir – rovesciato con un colpo di Stato nell’aprile 2019 – e altri alti funzionari del suo mandato sono ricercati dalla Corte penale internazionale (CPI) per presunti crimini di guerra e contro l’umanità nel conflitto.