Von der Leyen promette a Zelenski un aiuto d’emergenza di fronte al blackout dell’attacco russo

Presidente
Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – Philipp von Ditfurth/dpa

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha promesso al Presidente ucraino Volodymyr Zelenski aiuti d’emergenza per far fronte al blackout energetico causato dai «barbari» attacchi russi alle infrastrutture critiche dell’Ucraina, per i quali ha incolpato il Presidente russo Vladimir Putin.

«Ho espresso a Zelenski la piena solidarietà dell’UE nei confronti dell’Ucraina in un momento di sofferenza per i bombardamenti deliberati e barbari di Putin sulle infrastrutture civili del Paese. Condanno fermamente questi attacchi. La Russia deve essere chiamata a rispondere di quelli che sono crimini di guerra», ha dichiarato il Presidente dell’UE in una dichiarazione successiva alla telefonata con Zelenski.

A questo proposito, Von der Leyen ha annunciato l’imminente donazione di 200 trasformatori medi e di un autotrasformatore grande da parte della Lituania, di un autotrasformatore medio da parte della Lettonia e di 40 generatori della riserva comune europea, che si trovano in Romania.

«Stiamo intensificando i nostri sforzi e collaborando con i partner per fornire il sostegno di emergenza di cui l’Ucraina ha bisogno per ripristinare e conservare l’energia elettrica e il riscaldamento per la popolazione civile», ha dichiarato il capo esecutivo dell’UE.

La Commissione europea sta collaborando con le aziende energetiche di diversi Stati membri per fornire attrezzature tecniche, come un maggior numero di autotrasformatori, e si sta coordinando con diversi partner per trasportarli rapidamente in Ucraina.

Sta inoltre valutando la creazione di un centro logistico in Polonia per concentrare le donazioni provenienti da Paesi terzi e consegnare gli aiuti all’Ucraina in coordinamento con i partner del G7 come Stati Uniti, Canada e Regno Unito.