L’esercito ucraino dichiara di essersi ritirato da Soledar per «preservare la vita del personale» di fronte all’offensiva russa

Un
Un sistema di lanciarazzi multipli dell’esercito ucraino a Soledar – Madeleine Kelly / Zuma Press / ContactoPhoto

Le forze armate ucraine hanno dichiarato mercoledì di essersi ritirate dalla città di Soledar, nella regione orientale di Donetsk, per «preservare la vita del personale», una settimana dopo che le autorità filorusse della regione avevano annunciato di averne preso il controllo a seguito di combattimenti che avevano coinvolto i mercenari del Gruppo Wagner.

«Per preservare la vita del personale, le Forze di Difesa si sono ritirate da Soledar e si sono trincerate su linee difensive preparate in precedenza», ha dichiarato il portavoce del Gruppo orientale delle Forze Armate, Serhiy Cherevati, parlando al portale ucraino Suspilno.

Ha sottolineato che i militari «hanno svolto il loro compito principale», che era quello di «non permettere al nemico di sfondare sistematicamente in direzione di Donetsk su questo fronte». «La linea del fronte è stata rasa al suolo. Non c’è stato né accerchiamento né cattura (di truppe). Non possiamo permetterci il lusso del nemico di gettare i combattenti al macello», ha affermato. «Stiamo cercando di manovrare, di raggiungere con il fuoco, di usare tattiche di piccoli gruppi per esaurire il più possibile il nemico», ha spiegato Cherevati.

La città di Soledar fu occupata dall’esercito dopo diversi giorni di pesanti combattimenti. Il governatore della Repubblica Popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha dichiarato lunedì che «la città è stata distrutta». «Il nemico ha inflitto il massimo dei danni e non sono rimasti praticamente edifici interi, ma solo strutture», ha detto.

Fonte: (EUROPA PRESS)