Gli Stati Uniti ringraziano la Spagna per l’invio di carri armati in Ucraina

Archivio
Archivio – Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Kirby – Ssgt. Brittany Chase/DoD/Planet / DPA

Gli Stati Uniti hanno ringraziato mercoledì la Spagna per l’assistenza fornita all’Ucraina dopo che il governo ha annunciato l’invio di carri armati Leopard, esprimendo il desiderio di continuare a collaborare.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha dichiarato che «la Spagna, ovviamente, è stata uno dei Paesi che ha contribuito e sostenuto l’Ucraina. È una cosa che il Presidente accoglie sempre con favore.

«Siamo ansiosi di continuare a lavorare a stretto contatto con la Spagna in futuro», ha aggiunto, sottolineando che le discussioni degli Stati Uniti con gli alleati e i partner europei sono state molto intense per un’altra settimana.

Il governo spagnolo ha annunciato mercoledì che si unirà all’invio di carri armati «Leopard» in Ucraina sulla base della necessità di «unità» di tutti i Paesi della NATO e dell’Unione Europea nella risposta all’offensiva militare della Russia.

«Saremo naturalmente con i nostri partner della NATO e dell’UE, perché l’unità è ciò che dà forza alla risposta», ha garantito il ministro della Presidenza, Félix Bolaños, nelle dichiarazioni ai media del Congresso.

Ha insistito sul fatto che l’operazione si sta forgiando in «coordinamento» con tutti i Paesi alleati, evitando di fornire dettagli sul numero di unità che potrebbero essere inviate dalla Spagna, su quale modello o sulla possibilità di addestrare le truppe ucraine al loro utilizzo.

L’annuncio della Spagna si è aggiunto alla decisione di Germania e Stati Uniti, che nelle ultime ore hanno concordato l’invio di carri armati di fabbricazione tedesca in Ucraina, undici mesi dopo l’inizio della guerra, iniziata il 24 febbraio 2022, per ordine del presidente russo, Vladimir Putin.

A seguito di queste misure, il Ministro della Difesa ucraino Oleksei Reznikov ha chiesto l’invio di jet da combattimento occidentali, che considera la prossima voce della sua «lista dei desideri».

Il ministro della Difesa ha riconosciuto che la priorità assoluta di Kiev sono i sistemi di difesa aerea. «Dobbiamo chiudere il nostro cielo, difendere il nostro cielo (…) Questa è la priorità numero uno. Dopodiché, dobbiamo ottenere più veicoli armati, carri armati, sistemi di artiglieria, droni e così via», ha detto.

Fonte: (EUROPA PRESS)