Johnson ha ricevuto dalla commissione parlamentare l’ordine di consegnare i documenti del «Partygate».


Il
Il primo ministro ad interim del Regno Unito Boris Johnson – Stefan Rousseau/PA Wire/dpa

Il Comitato per i privilegi della Camera dei Comuni del Regno Unito ha chiesto al Primo Ministro Boris Johnson di consegnare i documenti ai parlamentari che indagano sullo scandalo dei party di Downing Street al culmine della pandemia di coronavirus nel Paese.

I deputati hanno chiesto al governo prove come messaggi WhatsApp e fotografie, tra le altre cose, mentre indagano sul cosiddetto «Partygate», una questione che ha portato a una mozione interna ai Tory, anche se Johnson ne è uscito con successo.

Tra i documenti richiesti ci sono i diari di Johnson nel periodo in cui si sono svolte le feste in questione, secondo le informazioni del Guardian.

La commissione ha dato tempo al governo fino al 15 agosto per consegnare i documenti richiesti. Il Partygate è uno degli scandali che hanno portato alle dimissioni di Johnson da leader del partito conservatore, anche se le conclusioni della commissione potrebbero gettare un’ulteriore ombra sulla sua eredità.

Le fotografie richieste sono quelle scattate dal fotografo ufficiale di Johnson, Andrew Parsons, durante le date delle feste.


Cookie Consent with Real Cookie Banner