Armenia/Azerbaigian – L’Azerbaigian sospende il prossimo incontro con l’Armenia dopo aver rifiutato la mediazione di Macron

Archivo
Archivo – Nikol Pashinyan, Charles Michel e Ilham Aliyev – Dario Pignatelli/European Counci / DPA

Il presidente azero Ilham Aliyev ha dichiarato venerdì che l’incontro previsto per il 7 dicembre a Bruxelles con il primo ministro armeno Nikol Pashinian è stato sospeso dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha rifiutato di partecipare, come richiesto dalla parte armena.

«L’incontro a Bruxelles avrebbe dovuto svolgersi il 7 dicembre. Ma ieri, (il consigliere presidenziale per gli affari esteri) Hikmet Hajiyev mi ha informato che, dall’ufficio di Michel, hanno detto che il primo ministro armeno Nikol Pashinian ha accettato l’incontro solo a condizione che il presidente francese Macron partecipi», ha spiegato il presidente azero nelle dichiarazioni riportate dal portale azero Haqqin.

L’Azerbaigian accusa la Francia di assumere una posizione filo-armena sul conflitto del Nagorno-Karabakh. In ottobre, l’accusa del presidente francese Macron all’Azerbaigian di aver «lanciato una guerra terribile e brutale» ha provocato una forte reazione a Baku.

Aliyev ha anche criticato il fatto che il presidente francese abbia «cercato di attaccare» l’Azerbaigian durante il vertice della Francofonia dello scorso fine settimana a Tunisi con un tentativo di risoluzione «pieno di insinuazioni e accuse».

«Alla luce di tutto ciò, è chiaro che la Francia non può partecipare ai colloqui di pace», ha dichiarato, aggiungendo che Baku prenderà in considerazione «altre alternative». «Vediamo chi assumerà il ruolo di mediatore e su quale piattaforma verrà svolto», ha aggiunto durante un forum nella capitale, riportato dall’agenzia di stampa ufficiale dell’Azerbaigian Azertac.

Il Ministero degli Esteri armeno ha respinto ogni insinuazione di voler far deragliare i colloqui e si è limitato a chiedere che la riunione di Bruxelles segua il formato dell’incontro a quattro tra i leader di Armenia, Francia, Azerbaigian e il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, tenutosi a Praga nell’ottobre di quest’anno.

Nella sua risposta, il Ministero degli Esteri armeno si è limitato a ricordare che il formato dei successivi incontri è stato concordato da tutte le parti a Praga «ed è logico che il formato dell’incontro e la composizione dei partecipanti siano gli stessi», ha spiegato il suo portavoce, Vahan Hunanyan.

Negli ultimi anni i due Paesi sono stati ai ferri corti per il controllo del Nagorno-Karabakh, un territorio a maggioranza armena che è stato al centro del conflitto da quando, nel 1988, ha deciso di separarsi dalla regione dell’Azerbaigian, integrata dall’Unione Sovietica.

Il 15 settembre l’Armenia e l’Azerbaigian hanno concordato un cessate il fuoco e all’inizio di ottobre hanno deciso di impegnarsi a rispettare la Carta delle Nazioni Unite e la Dichiarazione di Alma Ata del 1991, con la quale entrambi i Paesi riconoscono l’integrità territoriale e la sovranità dell’altro. In seguito, Pashinian ha sottolineato al Parlamento che si aspetta la firma del trattato di pace con l’Azerbaigian entro la fine dell’anno.

«Tutte le dichiarazioni della parte azera che accusano la parte armena di voler far deragliare l’incontro e il processo di pace non hanno nulla a che fare con la realtà. La Repubblica di Armenia è pronta per l’incontro del 7 dicembre in conformità con l’accordo e il formato raggiunto a Praga», ha dichiarato il portavoce del Ministero degli Esteri armeno all’agenzia di stampa nazionale Armenpress.