Canelo Alvarez minaccia Messi per i presunti insulti alla maglia del Messico

Saúl
Saúl ‘Canelo’ Álvarez e Leo Messi – DPA/EUROPA PRESS

Il pugile messicano Saul ‘Canelo’ Alvarez ha accusato l’argentino Leo Messi di aver usato la maglia della nazionale di calcio messicana per «pulire il pavimento» dopo l’incontro di sabato tra le due squadre ai Mondiali di calcio in Qatar e lo ha minacciato per quello che considera un oltraggio ai simboli del suo Paese.

«Hai visto Messi che ha pulito il pavimento con la nostra maglietta e la bandiera? Che preghi Dio di non trovarmi! Così come io rispetto l’Argentina, voi dovete rispettare il Messico. Non parlo del Paese, l’Argentina, parlo di Messi per lo schifo che ha fatto», ha scritto sul suo account Twitter ufficiale.

Dopo la vittoria dell’Argentina per 2-0 contro «El Tri», è circolato sui social media un video celebrativo dei giocatori dell’Albiceleste negli spogliatoi al termine della partita, in cui si vede Messi con una maglia del Messico accanto a lui per terra, che calcia, apparentemente senza volerlo, mentre cerca di togliersi uno scarpino.

Tuttavia, il pluricampione del mondo dei pesi supermedi ha visto l’azione come un’offesa al Messico e ai suoi simboli. «Dal momento in cui la maglia messicana è a terra è già un insulto, basta con le stronzate su quello che era o non era», ha detto. «Chiunque non difenda il proprio Paese è uno stronzo. Una cosa è il fanatismo, un’altra è la vostra identità. Viva Mexico, cabrones», ha aggiunto.

Il Messico, con un solo punto nel Gruppo C, deve battere l’Arabia Saudita e sperare in un favore della Polonia, che affronta l’Argentina nell’ultima giornata, per avanzare agli ultimi 16 anni.