I manifestanti scendono in piazza a Lima dopo l’impeachment del presidente peruviano

Manifestanti
Manifestanti in Perù (Archivio) – CARLOS GARCIA GRANTHON / ZUMA PRESS / CONTACTOPHOT

Centinaia di manifestanti sono scesi in piazza nella capitale del Perù, Lima, mercoledì, dopo che il Congresso ha approvato l’impeachment del presidente peruviano Pedro Castillo, detenuto presso la sede della Prefettura di Lima.

Con una forte presenza della polizia, decine di manifestanti si sono riuniti davanti al Congresso, in viale Abancay, con bandiere peruviane, striscioni e clacson per celebrare l’impeachment di Castillo in una marcia annunciata martedì con il nome di «Toma de Lima» (Prendi Lima).

Prima che il Congresso approvasse una mozione di censura contro di lui con 101 voti a favore, Castillo ha annunciato lo scioglimento, la formazione di un governo di emergenza e il coprifuoco dalle 22.00 (ora locale) alle 4.00 del mattino per evitare disordini.

L’Ambasciata di Spagna in Perù ha raccomandato ai cittadini spagnoli di evitare di avvicinarsi alle zone in cui si stanno svolgendo i raduni in Perù e di limitare i viaggi «al minimo indispensabile».